Silenzi

Silenzi. Quanti ne ho ascoltati. Non importa il rumore che c’è. Anche quello è silenzio. Soprattutto. Continuo a raccogliere tutti questi silenzi, a fingere di non capire, ad aspettare non so più cosa. Forse un’alba che non riporterà mai più indietro tutte le mie notti insonni. Silenzio è il rumore dei passi di chi non cammina e non lo ha mai fatto. Di chi non parla e non lo farà mai. Di chi non tende una mano perchè è prigioniera dentro la sua tasca. Di chi butta parole pensieri e sorrisi nelle sabbie mobili dell’ipocrisia e dell’egoismo. E la mente torna indietro, nuota controcorrente nel fiume dei ricordi, nell’acqua gelida di un altro silenzio, un silenzio ovattato, di un’irreale senso di vuoto. Ho cercato sempre di fermare tutto il mondo, comprimerlo, farlo entrare nel palmo della mia mano e realizzarne i sogni, solo per non pensare a quando avevo i miei. Quanta strada dietro l’ultima luce alla fine dei miei occhi. Non ho mai raccontato a me stesso quanta distanza ha percorso l’airone dei miei pensieri ascoltando i miei silenzi. Non ho mai raccontato a me stesso tutto quello che ho visto sospeso sulle sue ali calde.

© ud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...