Favole eterne

Leave a comment Standard

Ho creato mondi magici, e ho omesso i suoi sospiri. Ho inventato favole eterne, belle ma senza respiro. Ho narrato di cieli infiniti, ho amato tutte le stelle più belle, ma ho nascosto a tutti la luna. Incantevoli distese di isole e di mare, vuote e piovose, senza i tuoi occhi. Non riavrò il mio sole, nessun limite esiste all’amore. Il vento a volte è essenziale. Lascerò andare i gabbiani, l’unico volo è quello libero. Lo capiranno anche loro. Io ritornerò a dipingere la vita con i miei arabeschi dentro le caverne. Scolpirò sulle pareti di roccia, i percorsi di tutti i sogni del mondo e disegnerò il punto esatto dove vanno a finire quando si perdono. Un giorno ci sarà qualcuno che li andrà a riprendere.

@ilcortomaltese