Par si muova ©

Leave a comment Standard

Par che si muove. Ma solo luce immobile. Eppure è luce. La differenza è la distanza. La prospettiva. Solo una stella, quella laggiù in basso. E la luce è così velocemente lenta che tutto appare antico e fermo. Riporta indietro, nel suo cammino, il tempo. Non esiste alcun tempo che non giunga quassù in alto, se non dopo aver attraversato tutto. per poi fuggire via incredulo, tra diademi pacifici di pensieri e folgori di tormento e temporale, trasportandoci. I sogni rimangono a terra, attendono ancora alla fermata. Non prenderlo questo tempo tu, attendi l’altro, arrivo al capolinea dell’universo, e ti aspetterò per donarti quella luce che ci appartiene ed è nostra fin dalla notte dei tempi.

@ilcortomaltese

Volare con le nuvole ©

Leave a comment Standard

Lo scontro di ogni notte con l’immensità, le ombre si allungano con il freddo, portano una folla di vertigini che va e viene dal buio. E se lontano dagli occhi rasenta un chiarore, non è il giorno che si sveglia dal torpore, è la luce del tuo viso, simile ad un alba antica. Un uomo diventa vento quando sa volare, non ha importanza se sei sole o miraggio, amore è anche illusione e sogno, e io ho imparato a volare con le nuvole.

@ilcortomaltese

Brezza e vento libero ©

Leave a comment Standard

L’alba profuma di te. E come me, attende il sole. Per riscaldare l’anima. Questa strada è come un fiume, non so bene dove andrà. Finirà alla radice degli arcobaleni, oppure si adagerà sul mare che tutto porta via, profumo compreso, e diventerà brezza e vento libero. Io continuerò ad amare il cielo. I suoi doni e te.

@ilcortomaltese