Simulacri ©

Leave a comment Standard

Non sai
nemmeno quello che sai.
Le ombre oscure scorrono
sulle rive di Acheronte,
non dormono gli angeli,
ma è il buio che li assorbe.
Solo il fluire dell’acqua
confonde le catene stridule.
Simulacri vaghi e nebulosi
e l’usuale puzzo di zolfo
che coagula il tuo segreto.
Non sai del mistero antico
e dei suoi violenti vincoli.
Non serve neanche lumeggiare
io vivo da sempre nel buio,
e tu non ami la notte.