Solo per te

Leave a comment Standard

In fondo non abbiamo niente. La vita ti invita, la sorte ti aiuta, la ragione ti sorregge, ma è il cuore che sogna. Tutto contribuisce al bene universale di ogni anima su questa terra, soprattutto la sofferenza, che è quella che ci innalza a stadi superiori, ma che è anche quella che non comprendiamo a fondo. E’ la storia eterna, questa. Ma quando la vita ti toglie quello che ama il tuo cuore, è la vita stessa che ti viene incontro. Non ti devi fidare di me, devi imparare a fidarti della vita. Saranno gli occhi e il sorriso a guidarti e a farti comprendere. I tuoi e quelli che ti guarderanno magici. E più hai dentro voglia di urlare, più proverai a mascherarla con i tuoi bellissimi sorrisi, più ti sorreggerà il cuore, straziato, ma mai per natura domo. Il mio cuore è ormai in viaggio verso il tuo. Sta portando con sé tutto il bello che può avere, quello che i tuoi occhi gli suggeriscono, e tutto quello che ha costruito nei suoi viaggi attraverso dolori e bivi devastanti. Non coprirti. Non pensare. Lasciati piacevolmente andare. Consapevole e attenta, ma libera finalmente da tutti i condizionamenti che ti hanno impedito di essere felice. Il mio cuore ormai è pieno solo di te. Non attende altro che regalarti tutto il bello di cui è capace, di donarti rispetto e affetto, attenzione e amore. Fidati di lui, se non di me. Le cicatrici ispessisono la corteccia, ma illuminano la possibilità di essere di più. E la tua sofferenza si legge chiara sullo splendore del tuo viso, traspare come una scure dalla bellezza dei tuoi occhi incontaminati. Ha il torpore della diffidenza, ma sa di tenero e meraviglioso. Il mio cuore è, dal momento in cui ti ha visto, adagiato sotto la tua finestra. Ogni notte. Con le sue serenate solitarie di trasporto armonioso. E non passa luna in tutti i bui in cui non aneli rifugio nel tuo. Ci sono mille motivi validi e comuni per fuggire. Ma ce n’è uno, uno solo, luccicante e magico, per provare. Andare fino in fondo. Perché non c’è cura al mondo che possa provare a guarire, se non ripercorrere un viaggio a volte pericoloso, ma unica salvezza per l’anima e per il cuore. Se guardi fino in fondo alla tua vita, capirai che non ci sono catene e se ci dovessero essere, nessuno, nè tantomeno io, le vuole rompere. Puoi già vedere come me, se guardi oltre, i nostri cuori correre al sole, i nostri occhi perdersi in un incantesimo infinito. Fidati. Fidati di quello che il tuo cuore vorrebbe di bello e che ha provato a obliare nella paura.

@ilcortomaltese

L’ultima lucciola

Leave a comment Standard

L’ultima lucciola rimasta accesa questa notte ha preferito spegnersi. Ma io riesco a vederla ancora, la sensazione che sale nel cielo è come un occhio acceso sul buio. Ogni lucciola non sa perché è nata, ma spera di poter illuminare chi la guarda con occhi di bimbo. Le lucciole sono come le parole, quelle che per amore escono fuori da ogni cuore. Vengono fuori già pronte. Pulsano di batticuore e profumano di bello Si compongono a frasi fatte, ma vivono di luce propria e si animano per illuminare. La differenza la fa chi legge i colori, chi sa sfumare una piccola luce nel buio, chi ama il significato del semplice perchè ama e sa farsi amare. E il silenzio non è mai assenza, nemmeno quando non resta più neanche una lucciola accesa.

@ilcortomaltese

Pipe a mare

Leave a comment Standard

2013428233055_ALTOMARE.jpg
Non so se ci sei.
E mi sembra di non esserci nemmeno io.
Questo che scrive al posto mio per te
su pergamene umide e fradicie
ancora non ha capito o non vuole capire.
E mi ritiro insieme a me da me
ad ammainare vele e pensiero.
Mi sveglierò quando e se
comincera a sciogliersi l’iceberg.
Buonanotte principessa dama iceberg,
regina del ghiaccio e del distacco.
Capitan Tempesta si ritira sul cassero a fumare la pipa
incagliato con chiglia e dottrina
a qualche miglio di mare da te.
Aspetterò a motori fermi e gelati
l’arrivo dei venti caldi del Sud.
Sai, non è tanto vero forse che
la mia nave è fulmine,
torpedine e miccia,
scintillante bellezza,
fosforo e fantasia,
molecole d’acciaio, pistoni,
guerra lampo e poesia.
E’ solo un brigantino antico
con vele quadre stracce all’albero di trincetto,
randa e controranda consunte all’albero maestro
e fiocchi a prua intonsi come la malinconia,
con un’odore di legno fradicio
che mal tiene ormai acque fredde e agitate.
E io non sono altro che un capitano folle
che è nato per incedere su mari burrascosi
lungo sentieri magici di onde che toccano il cielo,
a credere che attraverso essi si arriva alle nuvole.
Buonanotte alla tua assenza principessa.
Buonanotte a me.
Pipe a mare e stelle al cielo.

@ilcortomaltese

Senza sestante

Leave a comment Standard

Insieme è utopia. Accanto non è per tutti. Dementi i sogni. Intransigenti i pensieri. Il sole si nasconde. La luna ammonisce. Il giorno sembra trasparente La notte distende le ombre. Tutto senza orizzonte. Sabbie mobili irreversibili. Il sestante non ha parallasse. Le stelle guardano e riflettono, luci e pensieri universali Come me che guardo la mia stella, con i pensieri di un sole sperduto. Una stella senza mai il suo sestante.

@ilcortomaltese

Imparare ad amarsi

Leave a comment Standard

Giorno per giorno, senza sapere cosa mi aspetta. Gioia e tristezza sempre presenti, due stanze vicine comunicanti. E dentro sentire che niente finisce mai. È un tempo infinito il presente, non passerà il dolore. Ma bisogna imparare ad amarsi. E bisogna imparare a lasciarsi. E poi vivere ogni istante fino all’ultima emozione Solo così saremo vivi in una gabbia di ossa ma di libero cuore. C’è dolcezza in ogni dolore a custodia dell’infanzia libera. A volte ti ritrovo ancora lì. Eppure sentirti ancora dentro. Sentire che ancora esisti, felicità. Abbracciami ancora una volta con i tuoi occhi, forse mi basterà. Bisogna imparare ad amarsi Bisogna imparare a lasciarsi. Infinite volte, giorno per giorno. Senza sapere o pensare.

@ilcortomaltese

Nel mio cuore

Leave a comment Standard

Nel mio cuore il tuo cuore di perle.
Aperto sugli occhi tuoi d’incanto,
schiuso su sogni d’arte sopiti.
Nei miei battiti i tuoi respiri,
sospiri di mai perduti sogni.
L’anima ammalia i desideri,
il senno placa le armonie.
Le attinenze eteree ed eterne,
universali nel loro incedere
ascoltano l’eco del proprio viaggio.
Non saranno presumibili,
assumono l’aria di insospettabili,
ma agganciano la vita nel suo percorso
e arrivano molto, molto vicini
a connessioni indissolubili e indivisibili.
Stupiscono l’incedere placido
e si nutrono di meraviglioso.

@ilcortomaltese

Colline immaginarie

Leave a comment Standard

Colline immaginarie. Distese di sole sui pendii. Margherite e girasoli a profumare di vita il tempo. Non sono i sogni le chimere, di fato vestite e impreziosite, piuttosto la vacua ratio che non permette di infiorare. Adagio i semi sui colli vorrei veder fiorire i rari tulipani radiosi e le rose senza spine trasportate a becco su per giacigli preziosi da bianche e luminose colombe che libere mai seppur lo sono.

@ilcortomaltese