In fondo alle tasche

Leave a comment Standard

Lacrime in fondo alle tasche
sperdute nel loro fondo,
lì dove le mani frugano,
le cercano, ma non le trovano.
… Le solite chiavi della speranza,
qualche spicciolo di illusione,
il tagliandino della pazienza,
un foglietto consunto con sù un sogno,
una fotografia in bianco e nero
con tanti colori volati via nella mente,
un briciolo di coraggio e due di forza,
tanto…tanto petto in fuori e tanto muso duro…..
….ma di lacrime niente….
neanche a girare le tasche al contrario…..

Continua a leggere

Molte volte …

Leave a comment Standard

Molte volte diventano le solite volte, a volte.
Ma non sono le solite volte ad essere le uniche volte.
Il generale non è mai l’originale e l’unico.
La specie dell’unicità non è mai il gregge dell’insieme.
La differenza non la fa il numero delle volte o le volte dei numeri.
La differenza la fa la costanza del pensiero e lo spessore del vissuto.
In ogni dove c’è sempre una volta da vivere fino in fondo.
L’importante è viverla sempre alla propria maniera,
con l’incedere del proprio pensiero e la sensibilità del proprio vivere,
e ogni volta varrà sempre la pena di svegliarsi a malincuore da un sogno,
che se sogno è stato è perché ci si è svegliati…bruscamente….
altrimenti sogno non è…ma realtà da vivere attenzionare e riflettere….

© ud

 

Un Ciuffo e una Stella

Leave a comment Standard

Un Ciuffo di sogno sulla scia d’argento di una Stella.
In volo su due occhi riflessi tra loro a sfiorare l’unisono,
tra i pensieri felici, sorpresi a rincorrere i respiri,
con la speranza dell’incanto in cima al sottile desiderio
e il timore discreto e riservato in fondo all’idea di un sogno,
è proprio lui che regge le fila:
seguilo fino in fondo il sogno, non sarà lui a deluderti …

ilcortomaltese©

Mauna Kea

Leave a comment Standard
Un team di astronomi giapponesi ha scoperto, tramite il più grande osservatorio astronomico ottico, la più antica galassia mai osservata finora, distante 12,91 miliardi di anni luce e risalente quindi a 12,91 miliardi di anni fa. Il National Astronomical Observatory of Japan è situato a Mauna Kea  nelle Hawaii, su di una cima di 4200 metri. La scoperta della galassia, denominata SXDF-NB1006-2, è stata riportata sull’Astrophysical Journal. Le stime attuali portano l’origine dell’universo tramite Big Bang a circa 13,7 miliardi di anni fa: la nuova galassia sarebbe quindi una delle prime a essersi formate.

cocaina

Leave a comment Standard

La brezza dell’alba sa il fatto suo.
Appena il tempo di arrivare,
il tempo di scendere e guardare.
E poi via. La stessa strada. Lo stesso giro.
E il distacco da questo posto.
Mi riporta quel che è stato,
mi trafigge il cuore e l’anima.
Come una lama rovente.
Un girotondo di sensazioni.
D’altronde sono qui apposta.
Come ogni giorno a cadenza di ogni anno.
Sono tossico di nostalgia, dipendente dai ricordi.
Fa dannatamente male,ma è la mia cocaina.
La mia emicrania.
Un giorno mi ucciderà.

©ud

Le maschere

Leave a comment Standard

Chissà se un giorno butteremo le maschere che portiamo sul volto senza saperlo. Per questo è tanto difficile identificare gli uomini che incontriamo. Forse tra i tanti, fra i milioni, c’è quello in cui viso e maschera coincidono, e lui solo potrebbe dirci la parola che attendiamo da sempre. Ma è probabile che egli stesso non sappia del suo privilegio.

Eugenio Montale

l’ipotesi…l’idea…il nulla

Leave a comment Standard

Avanzo un’idea che si è formata da un’ipotesi, naufragata come al solito nel nulla.

L’ipotesi:
Data una sensazione proveniente da un’emozione elevata al quadrato, la somma dei pensieri a supporto sono ad essa direttamente proporzionali .

L’idea:
Surrogare le azioni a sostegno per dimostrare che se il baricentro dello scambio di emozioni cade dentro la base d’appoggio del bene come unico e solo significato della vita, la torre pendente e fragile dell’animo umano forse riesce a trovare una sua stabilità universale.

Il nulla:
Non cambia mai nulla: uomo o donna che sia. Pensi di esser riuscito a trovare una luce diversa dentro due occhi in mezzo a tanti occhi uguali. Ci credi. Ci metti un punto. Prima interrogativo. Poi esclamativo. Poi dal punto di partenza ti ostini ad arrivare ad un punto di arrivo. Un punto. Invece sono linee morte. Binari morti. Uguali. Dannatamente uguali. Come ce ne sono milioni nel mondo. Che conducono treni fantasma. Con dentro le facce e le parole a corredo di un mondo uguale a se stesso. Che si specchia nel nulla. E alla fine non riesci mai a capire come ogni volta è sempre la stessa volta. Come ogni volta. Risposte scontate e stolte a domande universali ed eterne. E non resta altro che issare le vele e salpare. Anche se ormai le terre lontane sono finite. Mondi lontani e diversi non esistono. Il solito errore intelligibile, continuo, violento, marchiano, testardo. Nemmenotulopuoifare.

@ud